15/05/2022
Gallo Matese e Letino

DESCRIZIONE BREVE DELL’ITINERARIO E MOTIVI DI INTERESSE:

Partenza da p.zza Roma a Bojano, per raggiungere con mezzi propri Gallo Matese.
Una prima sosta è prevista alla Frazione Vallelunga di Gallo dove, in circa 20 minuti, attraverso un
breve e facile sentiero si raggiungerà una collinetta da cui si potrà ammirare l’imponente strapiombo del
Pesco Rosso
, un contrafforte calcareo notevole per la mole e per il colore determinato dalla presenza di
ferrite.

Al ritorno, sempre lungo il sentiero, per i più abili, e secondo le indicazioni del gruppo referente,
percorrendo una ripida e scivolosa discesa servita da staccionata, sarà possibile meravigliarsi di una
splendida cascata del torrente Rava.

Si raggiungeranno nuovamente le auto per dirigersi al paese di Gallo Matese, dove si effettuerà una
breve sosta alla chiesa seicentesca dell’Ave Gratia Plena caratterizzata da una finestra ad anfora, o a
cassa di violino, di notevole interesse, e al palazzo baronale dei Boiano (cognome di una famiglia
nobile che si trasferì a Gallo da Alife alla fine del 1700), una costruzione storica di Gallo, in pietra locale
a pianta rettangolare del 1850 circa, adesso disabitata e con necessità di restauro.

Lasciato il centro abitato si scende al lago di Gallo e lo si costeggia su un comodo sterrato pianeggiante.
Ai bordi dello sterrato, abbondano siepi di prugnolo selvatico, di rosa canina, biancospino e di corniolo.
Dopo circa 2 km e più, si raggiunge il borgo di Letino con la sua spettacolare vista sul lago di Gallo
appena lasciato.

Inizia da qui la salita al Castello medievale di Letino, posto ad una quota di circa 1100 m.
La prima parte del percorso è a gradoni con staccionata e il fondo è stabilizzato con lastre di pietra locale.
La seconda parte del sentiero, più caratteristico, non presenta grossi interventi dell’uomo, comunque è
comodo e ben mantenuto.
Si raggiunge quindi la parte più alta del Comune di Letino, dominata dal castello e dalla sua cinta muraria
con torri di avvistamento di forma circolare.
All’interno della cinta venne edificata nel XVII secolo, la Chiesetta di Santa Maria del Castello e nel
1888 il cimitero letinese ancora oggi in uso.
Il castello, occupa una posizione strategica e regala vedute esclusive sulle valli del Lete e del Sava.
Terminato la visita al Castello, si ridiscende verso il paese per una breve sosta alla piazza principale dove
ammirare il bel campanile annesso alla facciata della chiesa dedicata a San Giovanni Battista e che ne
costituisce anche l’ingresso. Nella piazza, sede anche del Municipio, una targa ricorda l’insurrezione del
1887 capeggiata dagli anarchici Cafiero, Malatesta e Ceccarelli che l’8 aprile proclamarono la
“Repubblica di Letino”, dichiarando decaduto il re Vittorio Emanuele.

Il ritorno a Gallo Matese seguirà lo stesso percorso dell’andata.

EQUIPAGGIAMENTO
Zaino e coprizaino, borraccia, occhiali da sole e copricapo parasole, bastoncini, scarponi, cappello, giacca in
goretex (o equivalente), binocolo, pila frontale, coltellino multiuso, indumenti di ricambio completo (scarpe,
calze, maglietta,etc.).
Si consiglia un abbigliamento a strati (a cipolla). Cibo ed acqua sufficienti
all’escursione.
Pranzo al sacco

DATI TECNICI DI ESCURSIONE:
Grado di difficoltà: T
REFERENTI:
Mariacristina Malatestasottosezione di Bojano cell. 328 975 9802

NON SOCI CAI
✯✯✯
I non soci CAI sono ammessi a partecipare previo presa visione del regolamento, della difficoltà dell’escursione, e sentito il parere del referente.
Per i non soci è obbligatoria la prenotazione ed il versamento della quota assicurativa che, salvo diverse indicazioni, andrà consegnata al referente entro le ore 21:00 del venerdì precedente l’escursione.


Condividi:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: